Tutte le risposte / Renella recidiva

 Oggetto: Renella recidiva

Domanda:

Salve dottore,

purtroppo sono predisposta alla calcolosi...e non so se col tempo si risolve o se c'è un modo.

Nel 2011 prima colica dolorosa con ematuria, dal ricovero però non notarono nessun calcolo ne dalla eco ne dalla rx...evidentemente lo avevo espulso. Mi consigliarlo di bere 2 lt di acqua al giorno e così ho fatto x 5 anni.

L'anno scorso a marzo 2016 inseguito ad una colica ed ematuria, mi sono dovuta operare al'uretere dx x un calcolo bloccato di 6mm. Messo stent ma tolto dopo 4 gg x intolleranza e dolore. Sono stata dimessa con una terapia di acqua x far uscire i residui del calcolo e antinfiammatori che mi hanno rovinato lo stomaco, infatti a seguito mi è venuta una gastrite erosiva causa medicinali.

Ho cambiato urologo..e questo dottore mi fa ripetere ogni 6 mesi eco renale e diretta rx vie urinarie più esami urine. Ma nonostante io beva 2 e più lt d'acqua al gg mi ritrovo sempre microlitiasi ai reni di più al rene dx.

Ora mi ha dato terapia di acqua e Lithos compresse 1 al di. Purtroppo però non tollero i citrati..mi portano mal stomaco,avendo una gastrite e colite, e gonfiore alla pancia. Sono anche seguita da una nutrizionista x questi problemi. Come posso fare o almeno c'è un modo o un "trucco"x far si che non si formi più renella o calcoli nonostante io beva molto? E se non tollero i citrati che posso fare. Sono disperata.

Attendo un vostro consiglio. 

 

Risposta:

Gentilissima signora,

non disperi, a tutto c'è soluzione.

Intanto avrei bisogno di sapere che lavoro fa  e se pratica attività sportiva, magari i due litri e mezzo sono relativamente pochi.

Poi sarebbe il caso di approfondire con un test per rischio calcoli ( che trova in internet al sito www.lithocenter.it ), quello con urine spot e cistinuria è il più completo. In questo modo si evince la sua predisposizione a formare calcoli  e si può tentare di correggere abitudini di vita ed alimentari per evitare recidive.

Per quanto riguarda la microlitiasi, personalmente non ci credo, i calcoli o ci sono o non ci sono; spesso la microlitiasi è erroneamente interpretata da chi pratica ecografia ( urologo o non) perchè etichettano per calcoli i vari riverberi iperecogeni della arterie renali.

Per quanto riguarda gli antinfiammatori: EVAN compresse o meglio orosolubile è la soluzione ideale per Lei per togliere le aderenze da uretere in caso di migrazione dei calcoli.

Per quanto riguarda i citrati vedremo se dopo appropriata terapia gastrica Lei avrà ancora intolleranza.

Infine una TAC addome in bianco fara' luce sui possibili calcoli (si vedono pure quelli di un millimetro)

Cordialmente

 

Dott.  Michele Barbera
Specialista in Urologia

 

 

 

 

I nostri specialisti